GeGè Telesforo live alla Casa del Jazz con una nuova band feat. Max Ionata

Otto vittorie consecutive come miglior voce maschile italiana al Jazzit Award, polistrumentista, conduttore televisivo e radiofonico, produttore discografico e recentemente nominato Ambasciatore UNICEF per i suoi progetti didattici e di comunicazione rivolti all’infanzia: è GeGè Telesforo, uno dei personaggi più popolari e amati in Italia in ambito musicale e nell’entertainment.

Reduce dai successi della seconda stagione del programma di Rai5 “Variazioni su Tema” e della sesta stagione consecutiva del suo programma “Soundcheck” in onda su Radio24, Telesforo continua la sua lunga tournée sui palchi italiani presentando una nuovissima formazione.

Sabato 29 giugno alle ore 21, sul palcoscenico allestito nel parco della Casa del Jazz di Roma per la rassegna Summertime 2019 della Fondazione Musica per Roma, presenterà ufficialmente il GeGè Telesforo Group, che lo vede alla guida di una band formata da cinque formidabili talenti italiani: la vocalist e tastierista Miriana Faieta, il chitarrista Christian Mascetta, il pianista e tastierista Pasquale Strizzi – grande talento appena rientrato dalla Laurea al prestigioso Berklee College of Music, il bassista Pietro Pancella, il batterista Michele Santoleri. Grande special guest, Max Ionata: uno dei maggiori sassofonisti della scena jazz contemporanea.

Il sound che ne scaturisce verte verso territori musicali fino ad ora inesplorati da Telesforo, con una fusione di ritmi e melodie di grande energia e spessore. Le prevendite per il concerto sono già attive al link http://bit.ly/TicketOne29giugno.

Nato artisticamente con Renzo Arbore, che ne ha scoperto le incredibili doti vocali, nel corso degli anni Telesforo ha saputo individuare un proprio progetto di ricerca che ha il suo nodo centrale nello scat: una tecnica di improvvisazione vocale di cui è sempre più amante e studioso, e con cui si è esibito accanto a mostri sacri del jazz come Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, Ben Sidran, Phil Woods, Mike Mainieri, Clark Terry, DeeDee Bridgewater, Bob Berg.

Tiene regolarmente Masterclass di canto e improvvisazione vocale, le “Vocal Jazz Concept”, in prestigiose Scuole di Musica, Conservatori e Festival jazz in Italia e all’estero. Dal 2012 è docente di Jazz e Improvvisazione Vocale presso la Venice Voice Academy di Los Angeles.

INFO
Sabato 29 giugno ore 21
Parco della Casa del Jazz di Roma – viale di Porta Ardeatina, 55
Biglietti €15 – prevendita: http://bit.ly/TicketOne29giugno
www.casajazz.it

CONTATTI
Ufficio Stampa GeGè Telesforo: Fiorenza Gherardi De Candei
Tel. 3281743236 – info@fiorenzagherardi.com

Annunci

È “Overland” il nuovo album di Paolo Russo, maestro del bandoneon “adottato” dalla Danimarca

È uno dei musicisti di punta della scena nordeuropea.

Vero maestro del bandoneon, accolto ed esaltato dagli stretti circoli di Parigi e Buenos Aires, Paolo Russo è originario di Pescara ma da oltre 23 anni risiede a Copenaghen, città che lo ha inizialmente “adottato” e poi artisticamente ispirato: si è affermato nel jazz danese e scandinavo sia per il suo stile espressivo e dirompente al pianoforte, sia per l’unicità del suo approccio al bandoneon, uno strumento con il quale è stato invitato nelle location più prestigiose in tutto il mondo, tra cui la Carnegie Hall e il Symphony Space di New York, la Berliner Konzerthaus, la Musikverein di Vienna.

“Vibranti suoni mediterranei, eterei paesaggi nordici, sognanti reminiscenze cinematografiche che si colorano improvvisamente di jazz, permeate da un’eco lontana di tango argentino”: così viene descritta la sua musica.

Nella sua carriera, Paolo Russo ha collaborando con grandi artisti della scena italiana e internazionale, tra cui Lelo Nika, Stefano Bollani, Paolo Fresu, Caroline Henderson, Howe Gelb, Marilyn Mazur, Nico Gori, Gianluigi Trovesi, Pablo Ziegler, Bo Stief, Etta Cameron, Line Kruse, Thomas Clausen, Robertinho Silva, Diego Figueiredo, Poul Krebs, Jesper Bodilsen, Emanuele Cisi, Eliel Lazo, Diego Schissi, Calixto Oviedo, Karima Nayt.
Tra i vari progetti con musicisti italiani, il trio Russo-Bollani-Fresu con cui si è esibito in Danimarca, Svezia e Norvegia.

Per il bandoneon ha scritto diversi arrangiamenti per duo, ensemble e orchestra, formazioni con cui stabilmente si esibisce dal vivo. Il suo recente disco “Bandoneon Solo Vol.II – Originals” è un’antologia di composizioni originali per lo strumento, edita sia come disco fisico che come libro-manuale, ed è stata definita un capolavoro del grande Maestro argentino Néstor Marconi (che ne ha anche scritto le note introduttive), mentre il suo recente lavoro “Imaginary Soundtrack”, registrato in studio in Italia lo scorso gennaio, ispirato alla magia della musica cinematografica italiana, è un coraggioso tentativo di presentare una colonna sonora senza un film, invitando il pubblico a creare, ascoltando, le proprie immagini, personaggi, scenografie e dialoghi. 
Nei prossimi mesi sarà presentato in anteprima europea e in Sud America il suo primo Concerto per Bandoneon e Orchestra da Camera. 

Paolo Russo - Overland_CoverAll’attivo ha 15 album a suo nome (e ha partecipato oltre 50 collaborazioni discografiche), il nuovo si intitola “Overland”, che ha co-prodotto con l’etichetta statunitense Odradek Records. Dieci brani originali dalla narrativa trascinante e carismatica, a tratti sognante e malinconica, per i quali Paolo Russo ha voluto come compagni di viaggio il contrabbassista svedese Thommy Andresson – con cui ha collaborato per diverse produzioni discografiche – e il batterista Marcello Di Leonardo, collega e amico di lunga data con cui ha già condiviso momenti del suo percorso musicale.
L’alternanza timbrica tra il suo pianoforte – strumento d’origine – ed il bandoneon e la sua variopinta interazione sonora con la sezione ritmica, arricchita a tratti dalla presenza del sax soprano di Fabrizio Mandolini e dei colori delle percussioni di Bruno Marcozzi (ospiti nell’album), rivelano una sorprendente varietà nella tessitura del racconto musicale, tipica dell’estetica di Paolo Russo. I 10 brani Nobil son e fatal, Ruinen, Filastrocca, Kinsarvik, O Golfinho Azul, Riviera, Rita, Carioca dream, The chant, Overland – sono 10 racconti che danzano tra atmosfere nordiche, pregnanti sapori mediterranei, sincopati accenti sudamericani.

 

Il tour

Dopo una anteprima a Pescara, e un concerto di presentazione lo scorso 9 maggio a Copenaghen presso l’Istituto Italiano di Cultura, le prossime date vedono Paolo Russo impegnato nei concerti dedicati all’album “Overland” tra la Danimarca e l’Italia: il 7 luglio sarà a Krudttønden nell’ambito del Copenaghen Jazz Festival. In Italia suonerà il 28 luglio a Fossacesia e l’11 settembre a Firenze; di nuovo si esibirà in Danimarca il 19 settembre a Espergaerde, il 27 e 28 settembre al Jazzhus Montmartre di Copenaghen.

 

Paolo Russo si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Pescara e ha conseguito il diploma in perfezionamento al Rytmisk Musikkonservatorium di Copenaghen. Negli ultimi 23 anni ha portato la sua musica in tutta Europa, ma anche in Argentina, Uruguay, Brasile, Giappone, Thailandia, Tanzania, Mozambico, Algeria, Russia, USA, Isole Faroe, Groenlandia e Cuba. A New York si è perfezionato suonando con il pianista americano Richie Beirach (1995) e a Buenos Aires con il bandoneonista argentino Néstor Marconi (2004/2013).

Di recente pubblicazione (giugno 2017), la mini-opera strumentale in 11 movimenti per ottetto “Tangology”, insieme all’Ensemble Midtvest (DK), presentata anche al Symphony Space di New York nel marzo 2016 e in Italia. Nel 2018 ha pubblicato il terzo volume dedicato all’esplorazione del

bandoneon diatonico, “Bandoneon Solo Vol. III – Songs From The Forest”, il cui materiale interamente costituito di brani originali e di libere improvvisazioni, trova ispirazione nella piacevole quiete del bosco danese, a contatto con il misterioso spirito e con la vibrante energia della foresta. Eskar Trio meets Paolo Russo, è una nuova collaborazione con uno dei più importanti e attivi trii di pianoforte scandinavi.

 

LINK
Spotify > http://bit.ly/spotifyOVERLAND
Amazon > http://bit.ly/amazonOVERLAND
iTunes > http://bit.ly/itunesOVERLAND
www.paolorusso.comwww.odradekrecords.com

 

CONTATTI
Ufficio Stampa per l’Italia: Fiorenza Gherardi De Candei
Tel. 3281743236 email info@fiorenzagherardi.com